Tuttə gioiosə et amorosə

Quando noi del Comitato Teatro Treviso abbiamo scoperto la proposta dell’italiano inclusivo, abbiamo subito pensato che risuonasse con i nostri valori e quindi abbiamo creduto che fosse un modo bello, e tutto sommato anche comodo, per rendere i nostri testi comunicativi inclusivi.

L’italiano Inclusivo è una proposta di estensione della lingua italiana per superare le limitazioni di una lingua fortemente caratterizzata per genere, con tutto ciò che ne consegue: impossibilità di parlare di sé o di altre persone senza menzionare il genere, impossibilità di parlare di persone che non si identificano in uno dei due generi binari.

L’italiano inclusivo è una lingua che permette di parlare di tuttə senza escludere nessunə.

L’italiano inclusivo utilizza due caratteri, lo schwa per il singolare (ǝ) e lo schwa lunga per il plurale (з), sono entrambe scrivibili con semplicità ed entrambe pronunciabili, ma noi abbiamo preferito per semplicità utilizzare sempre solo lo schwa (ǝ) per il singolare e per il plurale: il concetto non cambia.

Se volete saperne di più andate su italianoinclusivo.it